Divieto di coazione fisica sui dipendenti

Il dirigente di una pubblica amministrazione non può fisicamente mettere a sedere un dipendente per farlo lavorare. Lo ha stabilito la Corte di Cassazione che ha respinto il ricorso presentato da un dirigente del comune di San Benedetto del Tronto (Ascoli Piceno) accusato di violenza privata per un litigio avvenuto nel 2005 con una dipendente comunale sua sottoposta.

Il giudice di primo grado aveva assolto il funzionario ritenendo applicabile la discriminante dell'adempimento di un dovere o dell'esercizio di un diritto. Anzi, secondo il giudice sarebbe stata la donna a rendersi responsabile di diversi illeciti (inottemperanza agli ordini di servizio, ingiuria e diffamazione in danno del superiore, resistenza a pubblico ufficiale, per essersi opposta anche fisicamente all'ordine di rientrare nella propria stanza).

Secondo il giudice, non sarebbe stato sufficiente promuovere un procedimento disciplinare e "il mero ricorso a una segnalazione scritta non era in alcun modo in grado di porre fine al comportamento della dipendente".

La Corte d'Appello di Ancona aveva ribaltato la sentenza, condannando il dirigente a quattro mesi di reclusione (pena sospesa) e al risarcimento di seimila euro a favore della parte civile.

La Cassazione ha confermato la condanna. "se anche la dipendente non avesse ottemperato agli ordini del dirigente questi non aveva alcun dovere o diritto di esercitare nei suoi confronti una coazione fisica: nessuna norma gli riconosce, neppure implicitamente, simile facoltà".

 

ULTIME NEWS DIRITTO DEL LAVORO

ULTIME NEWS DIRITTO COMMERCIALE

ULTIME NEWS DIRITTO ALIMENTARE

ULTIME NEWS RESPONSABILITA' MEDICO SANITARIA

ULTIME NEWS DIRITTO CIVILE


Vuoi commentare una sentenza?
Visita la nostra pagina FaceBook


Archivio news

N.B: Le informazioni non costituiscono parere professionale ed il relativo contenuto ha carattere esclusivamente informativo. Gli articoli contenuti nella presente sezione non possono essere riprodotti senza la preventiva espressa autorizzazione dello studio legale Gallo. La citazione o l’estrapolazione di parti del testo degli articoli è consentita a condizione che siano indicati gli autori e i riferimenti di pubblicazione sul sito www.gallolex.eu. Le opinioni espresse ed il materiale raccolto in quest'area non costituiscono un parere pro veritate né comportano da parte degli autori alcun impegno di consulenza legale via internet. Nessuna consulenza gratuita o a pagamento verrà da loro fornita via internet.

TOP

Realizzato da: www.m2gweb.it