Lavoro subordinato - Licenziamento - Per giustificato motivo oggettivo - Soppressione del posto di lavoro - Onere del datore di lavoro di dimostrare l’impossibilità di adibire il dipendente a mansioni analoghe - Necessità –

In materia di licenziamento per giustificato motivo  oggettivo determinato dalla soppressione del posto di lavoro, l’onere, incombente sulla parte datoriale, di dimostrare l’impossibilità di adibire il lavoratore allo svolgimento di mansioni analoghe a quelle svolte in precedenza, concernendo un fatto negativo, va assolto mediante la dimostrazione di fatti positivi corrispondenti, quali la stabile occupazione dei residui posti riguardanti mansioni equivalenti e la mancanza di nuove assunzioni nella stessa qualifica del prestatore licenziato. L’onere predetto, peraltro, seppure grava interamente sul datore di lavoro e non può essere posto a carico del prestatore,  implica comunque per quest’ultimo un onere di deduzione e allegazione della possibilità di essere adibito ad altre mansioni, tale che ove egli ometta di prospettare una tale possibilità nel ricorso, non insorge per il datore di lavoro l’onere di fornire la predetta prova. Nella fattispecie in esame, in tal senso, non solo il posto di lavoro ricoperto dal ricorrente é stato soppresso per ragioni effettive e non pretestuose, ma, in relazione all’impossibilità di adibire il lavoratore allo svolgimento di mansioni analoghe, non sono emerse nel corso dell’istruttoria nuove assunzioni, né l’istante ha mai sintomaticamente dedotto o allegato, in modo specifico, l’esistenza di ulteriori posti di lavoro non attinti dalla riorganizzazione, nei quali avrebbe potuto essere utilmente collocato.

Tribunale di Bari, sezione Lavoro, sentenza 14 gennaio 2014 n. 141

ULTIME NEWS DIRITTO DEL LAVORO

ULTIME NEWS DIRITTO COMMERCIALE

ULTIME NEWS DIRITTO ALIMENTARE

ULTIME NEWS RESPONSABILITA' MEDICO SANITARIA

ULTIME NEWS DIRITTO CIVILE


Vuoi commentare una sentenza?
Visita la nostra pagina FaceBook


Archivio news

N.B: Le informazioni non costituiscono parere professionale ed il relativo contenuto ha carattere esclusivamente informativo. Gli articoli contenuti nella presente sezione non possono essere riprodotti senza la preventiva espressa autorizzazione dello studio legale Gallo. La citazione o l’estrapolazione di parti del testo degli articoli è consentita a condizione che siano indicati gli autori e i riferimenti di pubblicazione sul sito www.gallolex.eu. Le opinioni espresse ed il materiale raccolto in quest'area non costituiscono un parere pro veritate né comportano da parte degli autori alcun impegno di consulenza legale via internet. Nessuna consulenza gratuita o a pagamento verrà da loro fornita via internet.

TOP

Realizzato da: www.m2gweb.it