Risarcimento specializzandi, ricorso accolto su prescrizione

La terza sezione della Corte di Cassazione ha delineato le ragioni per cui non può essere seguito il nuovo orientamento formulato dalla Sezione Lavoro della stessa Cassazione in materia di prescrizione del diritto degli specializzandi. Il collegio, pur accogliendo il carattere decennale della prescrizione, contrariamente agli orientamenti maggiormente favorevoli ai medici, ha reputato che la decorrenza dovesse trovare inizio dal momento dell’entrata in vigore del decreto legislativo n. 257/91 e non nell’ottobre 1999.
La Suprema Corte ha evidenziato come l’isolata sentenza n. 9071 del 2013 si presenti del tutto eccentrica rispetto ad un orientamento ormai univoco. E, d'altro canto, ignorando detto orientamento, che rappresenta il diritto vivente nella giurisprudenza della Corte, e basandosi sui due precedenti dai quali le pronunce successive si sono motivatamente discostate, neppure sussistono i presupposti per sollecitare un intervento delle Sezioni Unite diretto a dirimere l'ipotetico conflitto.
La Cassazione ha accolto il ricorso e confermato l’orientamento in tema di prescrizione decennale decorrente dal 27 ottobre 1999.

Corte di Cassazione - Terza sezione Civile - sentenza n. 16104/2013

 

ULTIME NEWS DIRITTO DEL LAVORO

ULTIME NEWS DIRITTO COMMERCIALE

ULTIME NEWS DIRITTO ALIMENTARE

ULTIME NEWS RESPONSABILITA' MEDICO SANITARIA

ULTIME NEWS DIRITTO CIVILE


Vuoi commentare una sentenza?
Visita la nostra pagina FaceBook


Archivio news

N.B: Le informazioni non costituiscono parere professionale ed il relativo contenuto ha carattere esclusivamente informativo. Gli articoli contenuti nella presente sezione non possono essere riprodotti senza la preventiva espressa autorizzazione dello studio legale Gallo. La citazione o l’estrapolazione di parti del testo degli articoli è consentita a condizione che siano indicati gli autori e i riferimenti di pubblicazione sul sito www.gallolex.eu. Le opinioni espresse ed il materiale raccolto in quest'area non costituiscono un parere pro veritate né comportano da parte degli autori alcun impegno di consulenza legale via internet. Nessuna consulenza gratuita o a pagamento verrà da loro fornita via internet.

TOP

Realizzato da: www.m2gweb.it