Reati contro l'amministrazione della giustizia - Omissione di referto - Presupposti oggettivo e soggettivo - Fattispecie.

L'obbligo del referto, la cui omissione integra il reato di cui all'articolo 365 del Cp, sorge nel momento in cui il sanitario, prestando la propria opera, viene a trovarsi di fronte a un caso che può presentare i connotati di un delitto perseguibile di ufficio. A tal fine, occorre che il giudice accerti, tenendo conto della peculiarità del caso concreto e con valutazione ex ante (ossia riferita al momento della prestazione sanitaria), se il sanitario abbia avuto conoscenza di elementi di fatto dai quali desumere, in termini di teorica possibilità, la configurabilità di un delitto perseguibile d'ufficio. Mentre, dal punto di vista soggettivo, occorre il dolo generico, consistente nella coscienza e volontà di omettere (o ritardare) il referto, nella consapevolezza, cioè, di trovarsi in presenza di fatti che, sia pure in astratto, possono presentare i caratteri del delitto perseguibile d'ufficio. In questa prospettiva il medico può legittimamente omettere il referto solo allorquando abbia la ragionevole convinzione, con la certezza tecnica, desumibile da elementi di fatto certi e obiettivi, dell'insussistenza del reato. (Nella fattispecie il reato è stato ravvisato a carico dei due sanitari che avevano proceduto a un riscontro diagnostico autoptico sul cadavere di un bambino, omettendo di fare denuncia e referto all'autorità giudiziaria, nonostante che dal riscontro autoptico erano emersi elementi per ritenere che il caso presentasse i caratteri del delitto di omicidio colposo, procedibile d'ufficio, a carico del sanitario che aveva prestato le cure al bambino allorquando era stato ricoverato in ospedale).

Corte di cassazione - Sezione VI penale - Sentenza 29 ottobre-27 dicembre 2013 n. 51780

ULTIME NEWS DIRITTO DEL LAVORO

ULTIME NEWS DIRITTO COMMERCIALE

ULTIME NEWS DIRITTO ALIMENTARE

ULTIME NEWS RESPONSABILITA' MEDICO SANITARIA

ULTIME NEWS DIRITTO CIVILE


Vuoi commentare una sentenza?
Visita la nostra pagina FaceBook


Archivio news

N.B: Le informazioni non costituiscono parere professionale ed il relativo contenuto ha carattere esclusivamente informativo. Gli articoli contenuti nella presente sezione non possono essere riprodotti senza la preventiva espressa autorizzazione dello studio legale Gallo. La citazione o l’estrapolazione di parti del testo degli articoli è consentita a condizione che siano indicati gli autori e i riferimenti di pubblicazione sul sito www.gallolex.eu. Le opinioni espresse ed il materiale raccolto in quest'area non costituiscono un parere pro veritate né comportano da parte degli autori alcun impegno di consulenza legale via internet. Nessuna consulenza gratuita o a pagamento verrà da loro fornita via internet.

TOP

Realizzato da: www.m2gweb.it