Convivente non può essere estromesso da abitazione senza congruo preavviso

La sentenza, occasionata da una vicenda alquanto singolare di cui sono protagonisti due conviventi, fa il punto sulla rilevanza nel diritto italiano dei rapporti inerenti alle coppie di fatto.

La Corte compie un lungo exursus logico e giuridico per giungere a legittimare alcuni effetti delle unioni non fondate sul matrimonio, effetti che stanno ampliandosi sempre di più a livello legislativo e giurisprudenziale.

Il caso riguarda una coppia di conviventi e la vendita di un immobile di proprietà del compagno alla compagna. L’appartamento, ceduto con regolare atto di compravendita, è l’immobile in cui la coppia convive stabilmente. Finita l’unione, la donna costringe l’uomo a lasciare l’abitazione con un’azione singolare: sostenendo di essere vittima di un tentativo di furto o violazione di domicilio, chiama i carabinieri i quali, verificato il regolare possesso da parte della donna, si fanno consegnare le chiavi dal convivente.

L’uomo allora agisce presso il Tribunale di Roma con un’azione di reintegra nel possesso, riuscendo a dimostrare che nonostante il passaggio di proprietà, era in corso una situazione di compossesso dell’immobile derivante dalla convivenza. Il Tribunale da ragione all’uomo, ma la ex compagna ricorre alla Corte di Appello, la quale conferma però la decisione di primo grado, qualificando la situazione di fatto che si era venuta a creare, come compossesso e non semplice detenzione dell’immobile, stante la continuazione della convivenza more uxorio anche dopo l’atto di compravendita.

Si arriva in Cassazione, dove la donna deduce che in realtà la convivenza era già terminata e che comunque la situazione di compossesso non poteva essere dedotta dalla convivenza more uxorio tra le parti, poiché la convivenza non produce effetti sul possesso, e la relazione sulla cosa sarebbe assimilabile a quella di un “ospite”.

La Corte suprema, da una parte riconosce che la convivenza non fa instaurare automaticamente in capo al non proprietario un diritto possessorio autonomo (Cass. Civ. n. 847/2001), ma nega che la posizione del convivente può essere equiparata sic et simpliciter alla posizione di un ospite.

Al convivente che goda con il partner iure proprietatis dello stesso bene, deve essere riconosciuto una situazione assimilabile alla “detenzione autonoma” fondata sulla relazione familiare.

Si cita a tal proposito la sentenza n. 9486/2012 la quale, negando la possibilità di usucapire per il convivente, gli riconosce, in ragione di tale sola convivenza, la qualifica di detentore autonomo.

La convivenza determina, sulla casa in cui si svolge la vita comune, un potere di fatto basato su un interesse proprio, di conseguenza l’estromissione violenta o improvvisa legittima le azioni a tutela del possesso.

La vicenda concede lo spunto ai giudici, per affrontare l’argomento della rilevanza giuridica e di dignità del rapporto di convivenza che è sempre più oggetto di disciplina da parte del legislatore e della giurisprudenza.

A livello giurisprudenziale è ormai acquisito il diritto del partner che conviva more uxorio ad essere risarcito in caso di morte del compagno, sia per il danno morale sia per il danno patrimoniale derivante dalla perdita del contributo economico, sempre che la relazione sia caratterizzata da stabilità e mutua assistenza morale e materiale (Cass. Civ. n. 23725/2008).

Anche il convivente more uxorio affidatario di prole naturale, succede nel contratto di locazione stipulato dal defunto convivente ai sensi della legge n. 392/78.

La tutela scaturisce dalla considerazione che la famiglia di fatto può essere considerata come “formazione sociale” riconosciuta dal diritto (art. 2 Cost.) che diventa fonte di doveri morali e sociali per ciascun convivente nei confronti dell’altro (Cass. Civ. n. 14343/2009).

Cassazione civile, sez. II, sentenza 21.03.2013 n° 7214

 

ULTIME NEWS DIRITTO DEL LAVORO

ULTIME NEWS DIRITTO COMMERCIALE

ULTIME NEWS DIRITTO ALIMENTARE

ULTIME NEWS RESPONSABILITA' MEDICO SANITARIA

ULTIME NEWS DIRITTO CIVILE


Vuoi commentare una sentenza?
Visita la nostra pagina FaceBook


Archivio news

N.B: Le informazioni non costituiscono parere professionale ed il relativo contenuto ha carattere esclusivamente informativo. Gli articoli contenuti nella presente sezione non possono essere riprodotti senza la preventiva espressa autorizzazione dello studio legale Gallo. La citazione o l’estrapolazione di parti del testo degli articoli è consentita a condizione che siano indicati gli autori e i riferimenti di pubblicazione sul sito www.gallolex.eu. Le opinioni espresse ed il materiale raccolto in quest'area non costituiscono un parere pro veritate né comportano da parte degli autori alcun impegno di consulenza legale via internet. Nessuna consulenza gratuita o a pagamento verrà da loro fornita via internet.

TOP

Realizzato da: www.m2gweb.it