Adempimento - Pagamento fatto al rappresentante apparente - Liberazione del debitore in buona fede - Presupposti

Nell’ipotesi di pagamento al creditore apparente ex articolo 1189 del Cc il pagamento fatto al
rappresentante apparente, al pari di quello fatto al creditore apparente, libera il debitore di buona
fede, ai sensi dell’articolo 1189 del Cc, ma a condizione che il debitore, il quale invoca il principio
dell’apparenza giuridica, fornisca la prova non solo di avere confidato senza sua colpa nella
situazione apparente, ma, altresì, che il proprio erroneo convincimento sia stato determinato da
un comportamento colposo del creditore che abbia fatto sorgere nel solvens in buona fede una
ragionevole presunzione sulla rispondenza alla realtà dei poteri rappresentativi dell’accipiens.
Cassazione Sezione II, sentenza 11 settembre 2013 n. 20847

ULTIME NEWS DIRITTO DEL LAVORO

ULTIME NEWS DIRITTO COMMERCIALE

ULTIME NEWS DIRITTO ALIMENTARE

ULTIME NEWS RESPONSABILITA' MEDICO SANITARIA

ULTIME NEWS DIRITTO CIVILE


Vuoi commentare una sentenza?
Visita la nostra pagina FaceBook


Archivio news

N.B: Le informazioni non costituiscono parere professionale ed il relativo contenuto ha carattere esclusivamente informativo. Gli articoli contenuti nella presente sezione non possono essere riprodotti senza la preventiva espressa autorizzazione dello studio legale Gallo. La citazione o l’estrapolazione di parti del testo degli articoli è consentita a condizione che siano indicati gli autori e i riferimenti di pubblicazione sul sito www.gallolex.eu. Le opinioni espresse ed il materiale raccolto in quest'area non costituiscono un parere pro veritate né comportano da parte degli autori alcun impegno di consulenza legale via internet. Nessuna consulenza gratuita o a pagamento verrà da loro fornita via internet.

TOP

Realizzato da: www.m2gweb.it