Separazione e divorzio - Mantenimento dei figli - Domanda delle parti - Irrilevanza - Obbligo del coniuge non affidatario della prole di provvedere al pagamento della rata di mutuo della abitazione familiare - In assenza di domanda della parte - Ammissibi

A norma dell’articolo 155 del Cc il giudice stabilisce la misura e il modo con cui il coniuge non
affidatario deve contribuire al mantenimento dei figli, senza essere vincolato dalle domande delle
parti o dagli accordi eventualmente intervenuti tra esse. Correttamente, pertanto, il giudice del
merito pone - pur in essenza di una esplicita richiesta dell’altro coniuge - a carico del genitore non
affidatario della prole minore l’obbligo del pagamento delle rate di mutuo, costituendo le stesse
una modalità di adempimento dell’obbligo contributivo a favore dei figli.
Sezione I, sentenza 3 settembre 2013 n. 20139

ULTIME NEWS DIRITTO DEL LAVORO

ULTIME NEWS DIRITTO COMMERCIALE

ULTIME NEWS DIRITTO ALIMENTARE

ULTIME NEWS RESPONSABILITA' MEDICO SANITARIA

ULTIME NEWS DIRITTO CIVILE


Vuoi commentare una sentenza?
Visita la nostra pagina FaceBook


Archivio news

N.B: Le informazioni non costituiscono parere professionale ed il relativo contenuto ha carattere esclusivamente informativo. Gli articoli contenuti nella presente sezione non possono essere riprodotti senza la preventiva espressa autorizzazione dello studio legale Gallo. La citazione o l’estrapolazione di parti del testo degli articoli è consentita a condizione che siano indicati gli autori e i riferimenti di pubblicazione sul sito www.gallolex.eu. Le opinioni espresse ed il materiale raccolto in quest'area non costituiscono un parere pro veritate né comportano da parte degli autori alcun impegno di consulenza legale via internet. Nessuna consulenza gratuita o a pagamento verrà da loro fornita via internet.

TOP

Realizzato da: www.m2gweb.it